BLOG

Valore e Modello di business per freelance: Profilatura dei committenti

 

Nel lavoro di un freelance uno dei maggiori fattori di rischio è la cesura fra il valore percepito dal cliente e quello percepito dal “produttore“.  E’ probabile che il cliente sia poco interessato a soluzioni (certo molto raffinate) ma che tuttavia può non essere attrezzato a comprendere appieno, o può succedere che semplicemente non ne condivida la necessità.

Per converso, possono esistere aspetti che, esplicitamente oppure no, il cliente ritenga importanti e invece il suo consulente semplicemente non riesca a comprenderli appieno o semplicemente non riesca a definire un livello di importanza adeguato. Personalmnete sto tentando di creare una relazione più profonda fra il “prodotto offerto” e il “valore acquistato”.

Sarò lietò di condividere i progressi di questo lavoro di affinamento, mirante a migliorare il livello di contatto fra il “generico” freelance e il suo Cliente, aprendo una percezione del valore più ampia.

La metodologia proposta si ispira e cerca di adattare le proposte di Alexander Osterwalder, Yves Pigneur (e altri) in merito al “Business Model Canvas” e alla progettazione della “Value Proposition”. Il tentativo è di applicare in un ambito “concreto” delle metodologie pensate più per attività di pianificazione “ex ante” del proprio valore.

Leggi l’articolo intero a questo link

TAGS > , , ,

Post a comment